Navigation – Plan du site
Le traité d’Ubertin de Casale sur la pauvreté du Christ et des apôtres

Vicissitudini di un’edizione

Gian Luca Potestà

Texte intégral

  • 1  Cfr. M. Bihl, Archivum Franciscanum Historicum (d’ora in avanti AFH), 4, 1911, p. 597-599. Le crit (...)

1La presente edizione del Tractatus de altissima paupertate Christi et apostolorum eius et virorum apostolicorum di Ubertino da Casale porta a compimento un lavoro avviato da due studiosi in fasi diverse del secolo XX. P. Michael Bihl o.f.m. fu il primo a trascrivere il Tractatuse a rilevarne le fonti. La sua trascrizione annotata occupa 159 facciate di fogli di quaderno scritte a mano. Divenuto nel 1908 direttore della Sezione storica del Collegio degli Editori di Quaracchi e della rivista Archivum Franciscanum Historicum, il p. Bihl dovette realizzarla intorno al 1911, quando comparve la sua penetrante critica del volume su Ubertino pubblicato nello stesso anno dal cappuccino F. Callaey1. Un indizio che il suo lavoro va riportato a quegli anni è fornito dall’esame degli appunti uniti alla trascrizione : si trovano riportati sul retro delle bozze di stampa di un articolo comparso nella terza annata di Archivum Franciscanum Historicum (1910).

  • 2  Ubertinus de Casali, Arbor vitae crucifixae Iesu, III, 9, apud Andream de Bonettis, Venetiis 1485, (...)
  • 3  Cfr. rispettivamente C. T. Davis, « Le pape Jean XXII et les spirituels: Ubertin de Casale », in F (...)
  • 4  Per queste circostanze mi attengo a quanto comunicatomi dal prof. Davis nelle lettere inviatemi tr (...)

2Lo studioso minorita non giunse a pubblicare il testo. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1950, i suoi confratelli Ottokar Bonmann e Riccardo Pratesi fecero dono di trascrizione e appunti a Charles Till Davis, docente alla Tulane University di New Orleans, studioso di Dante e degli Spirituali minoriti, curatore per la Bottega d’Erasmo della ristampa anastatica (1961) dell’incunabolo dell’Arbor vitae crucifixae Iesu2. Davis presentò al decimo Colloque de Fanjeaux un primo contributo sui rapporti fra papa Giovanni XXII e Ubertino da Casale, cui seguì nel 1981 un più ampio saggio, comprendente l’edizione critica del Reducendo igitur ad brevitatem, lo scritto del 1322 in cui Ubertino aveva infine riassunto la dottrina da lui espressa in un primo tempo in forma orale e poi nel più ampio Tractatus3. Davis contava di pubblicare anche quest’ultimo, e in tale prospettiva ne aveva allestito una nuova trascrizione annotata, sul fondamento di quella di M. Bihl. Si interruppe quando seppe che Johannes Schlageter o.f.m. stava lavorando all’edizione critica della ottava delle Questiones de perfectione evangelica di Petrus Iohannis Olivi. Ben consapevole della massiccia assunzione di passi della questio oliviana compiuta da Ubertino nel suo trattato, Davis trasmise generosamente copia della propria trascrizione allo studioso tedesco, pensando di rimettervi mano dopo la pubblicazione dell’edizione della questio oliviana (effettivamente avvenuta nel 1989)4.

3Il progetto non poté realizzarsi. Preso da altre ricerche e colpito infine da cecità a seguito di un trattamento medico errato (1991), Davis si rese conto che non sarebbe più riuscito a completare il lavoro. Offrì allora (1993) a me i suoi materiali, fortunosamente recuperati dopo un incendio che aveva colpito la sua abitazione : una copia da microfilm della sezione del codice viennese contenente il Tractatus, le carte originali di M. Bihl e l’originale della propria trascrizione dattiloscritta, dotata di un apparato provvisorio delle varianti e delle fonti.

4Mi resi presto conto che in vista della progettata edizione occorreva verificare la trascrizione sull’unico manoscritto di Vienna, rivedere criteri di edizione, completare e verificare gli apparati, cercando di individuare non solo le fonti segnalate da Ubertino, ma anche i tramiti attraverso cui egli ne era venuto a conoscenza. Il lavoro, che vede infine la luce molti anni dopo la scomparsa del prof. Davis (1998), è dedicato a lui, in memoriam.

Haut de page

Notes

1  Cfr. M. Bihl, Archivum Franciscanum Historicum (d’ora in avanti AFH), 4, 1911, p. 597-599. Le critiche si appuntavano in particolare sulla cronologia della vita di Ubertino, su cui Bihl prende le distanze dall’innovativa proposta del Callaey. Cfr. al riguardo G. L. Potestà, « Un secolo di studi sull’«Arbor vitae». Chiesa ed escatologia in Ubertino da Casale », Collectanea franciscana, 47, 1977, p. 217-267, in part. p. 225.

2  Ubertinus de Casali, Arbor vitae crucifixae Iesu, III, 9, apud Andream de Bonettis, Venetiis 1485, ristampa anastatica a cura di C.T. Davis, Torino 1961. Sintetico profilo dello studioso in G. Constable, « Charles Till Davis », Proceedings of the American PhilosophicalSociety, 144, 2000, p. 297-300.

3  Cfr. rispettivamente C. T. Davis, « Le pape Jean XXII et les spirituels: Ubertin de Casale », in Franciscains d’Oc: les Spirituels ca. 1280-1324 (Cahiers de Fanjeaux, 10), Toulouse 1975, 263-283; « Ubertino da Casale Ubertino da Casale and his Conception of altissima paupertas », Studi Medievali, 3a s., 22, 1981, p. 1-56. Per il dono delle carte di P. Bihl cfr. la nota iniziale di tale saggio.

4  Per queste circostanze mi attengo a quanto comunicatomi dal prof. Davis nelle lettere inviatemi tra 1993 e 1995.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Gian Luca Potestà, « Vicissitudini di un’edizione », Oliviana [En ligne], 4 | 2012, mis en ligne le 14 mars 2012, consulté le 26 mars 2017. URL : http://oliviana.revues.org/468

Haut de page

Auteur

Gian Luca Potestà

Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© Oliviana

Haut de page
  • Logo CRH
  • Les cahiers de Revues.org